fbpx

Matrimonio con lo sponsor

In tempi di crisi, il matrimonio non è un progetto accessibile a tutti, almeno nelle forme e nei modi che molte giovani coppie sognano e non sempre riescono a realizzare.

Ma la necessità aguzza l’ingegno e qualche anno fa, negli States, qualcuno si è inventata la formula “matrimonio con lo sponsor” nella speranza di poter organizzare un matrimonio a basso costo, o addirittura a costo zero, senza rinunciare a niente. In Italia i primi ad adottare la formula “Mi sposo con lo sponsor”, sono stati nel 2010 due giovani milanesi, Elisa e Walt, diventati famosi per questa loro iniziativa.

Un anno prima delle nozze, hanno aperto un sito internet e un blog (ora entrambi chiusi da tempo), offrendo alle aziende – in cambio di benefit, gratuità e sconti – qualsiasi tipo di pubblicità: dal web-marketing ai loghi stampati su partecipazioni, inviti, menu, mappe, fino alle bandierine da sventolare durante il ricevimento e agli adesivi da attaccare alle auto degli invitati. La coppia ha messo a disposizione tutti gli “spazi” possibili e immaginabili a chi avrebbe sostenuto economicamente le loro nozze! Il risultato è stato un vero successo: molte aziende hanno aderito, offrendo gratuitamente servizi, capi di abbigliamento, bomboniere, partecipazioni, fedi, addobbi e perfino il viaggio di nozze… Tanto che gli sposi ideatori di questa insolita “colletta” sono finiti sui giornali e molti altri li hanno imitati. Così il matrimonio con lo sponsor è diventato una tendenza, una moda, ma soprattutto un espediente utile a ottenere risparmi significativi. Perciò, se siete interessati alla cosa, ecco qualche suggerimento per attivare la vostra ricerca di sponsor nuziali.

Prima di tutto è importante trasformare il matrimonio in un evento speciale: lo è già per voi, ma deve diventarlo anche per certi negozi, ditte, imprese che potrebbero considerarlo un mezzo per farsi pubblicità. Quindi aprite un sito/blog oppure una pagina Facebook e inerente al vostro matrimonio: dovrà essere di facile consultazione, ma curato nei dettagli e con una grafica attraente; poi linkatelo con molti altri siti, perché cominci a circolare, e pubblicateci il racconto della vostra storia, le immagini più significative del vostro amore, aggiungendo data, luogo e modalità stabiliti per le nozze, compreso il numero degli invitati che avrete.

Dichiarate apertamente, col nome del sito e con un breve sottotitolo, che siete in cerca di sponsor, a cui offrite ampia visibilità: fra tutti i vostri collegamenti, negli spazi web e negli stampati che finiranno in mano agli invitati. A questo punto date al sito, a voi stessi e al vostro matrimonio tutto il risalto possibile, attraverso i giornali locali e i social network. Quindi selezionate alcune aziende che potrebbero fare al caso vostro e scrivete a tutte, inserendo il link del sito nella mail che invierete. Se nessuno dovesse rispondere, non datevi per vinti!

Potrebbe esservi utile un contatto amico, un fornitore che già conoscete con cui fare il primo passo: in ogni caso cercate, almeno per iniziare, aziende piccole, appena nate o non troppo conosciute, perché sono quelle che hanno più interesse a farsi pubblicità, anche in ambiti ristretti.

Una ditta emergente di abiti da sposa, un catering non troppo famoso, un negozietto di bomboniere appena aperto, il vostro parrucchiere sotto casa: createvi una rete di relazioni e usate il passaparola per chiedere sconti, omaggi, servizi, promettendo di far circolare i loro marchi, per tutto il periodo dei preparativi e nel giorno delle nozze. Non sarà un’impresa facilissima, richiederà tempo e lavoro da parte vostra: ma se avete un po’ di faccia tosta e ci sapete fare, riuscirete a portarla a buon fine.

Con molta soddisfazione e un bel vantaggio per il vostro budget matrimoniale!

P.S.: il sito della prima coppia italiana che ha usato questo escamotage era: www.cisposiamoconlosponsor.it
Il sito non esiste più ma volendo si può navigare nella cache di siti tipo www.cachedpages.com e trovarne traccia.

condividi questo articolo sui tuoi social:

se qualche informazione in questa pagina ti risulta errata, ti preghiamo di segnalarcela: provvederemo a correggerla
Articolo precedente
E dopo? Festeggia l’anniversario di matrimonio!
Articolo successivo
Il matrimonio sostenibile

ti potrebbe interessare

ultimi cinque articoli

Menu